Programma

Giuseppe Verdi (1813–1901)
Il trovatore (1853)

Dramma in quattro parti
Libretto di Salvatore Cammarano
dall’omonimo dramma di Antonio García-Gutiérrez

Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino

Direttore d’orchestra        Pinchas Steinberg
Regia                                    Paul Curran
Scene e costumi                 Kevin Knight
Luci                                      Bruno Poet
riprese da                            Andrea Anfossi
Assistente alla regia          Oscar Cecchi
Direttore
dell’allestimento                Paolo Giacchero
Maestro del coro               Andrea Secchi

 

Leonora                  Rachel Willis-Sørensen
Manrico                  Diego Torre
Azucena                  Anna Maria Chiuri
Il Conte di Luna    Massimo Cavalletti
Ferrando                 In-Sung Sim
Ines                          Ashley Milanese
Ruiz                          Patrizio Saudelli
Un vecchio zingaro   Desaret Lika
Un messo                Luigi Della Monica

Allestimento Teatro Comunale di Bologna

 

 

 

Torino, Teatro Regio, mercoledì 10 ottobre 2018

Inaugurazione di stagione con un grande classico verdiano per il Teatro Regio di Torino che riporta in scena Il trovatore, a tredici anni dall’ultimo ciclo di recite torinesi. Attualizzato agli anni che ne videro la composizione, l’elegante allestimento si giova di una discreta distribuzione vocale di giovani interpreti e della solida direzione d’orchestra del veterano Pinchas Steinberg.

Ferrando – Parte I Scena I

Abbietta zingara, fosca vegliarda !
Cingeva i simboli di una maliarda !
[…]
La fatucchiera perseguitata
Fu presa, e al rogo fu condannata ;
Ma rimaneva la maledetta
Figlia, ministra di ria vendetta!…
Compì quest'empia nefando eccesso!…
Sparve il fanciullo e si rinvenne
Mal spenta brace nel sito istesso
Ov'arsa un giorno la strega venne!…
E d'un bambino… ahimè!… l'ossame
Bruciato a mezzo, fumante ancor !
[…]
All'inferno ? È credenza che dimori
Ancor nel mondo l'anima perduta
Dell'empia strega, e quando il cielo è nero
In varie forme altrui si mostri.
[…]
Morì di paura un servo del conte,
Che avea della zingara percossa la fronte !
Apparve a costui d'un gufo in sembianza
Nell'alta quiete di tacita stanza!…

E’ solo l’inizio ma con pochi versi Il trovatore si presenta ai nostri occhi, più che orecchie, con quelle cupe immagini che ricorreranno per tutta l’opera. Tutto un susseguirsi di immagini funeree, da film horror, a forza di occhiate torve e sanguigne, atti di sacrilegio, roghi, immagini di cadaveri che persino lei, la candida Leonora, non esita ad evocare per salvare il suo Manrico.
Pure, Giuseppe Verdi vestirà questi versi di slanci romantici e appassionati, versi melanconici, grandi gesti e e quarantottesche cabalette al punto da farne l’emblema del cappa e spada nel melodramma romantico italiano.
In più occasioni il regista Paul Curran ha spiegato che per lui Il trovatore è soprattutto dramma di religione, sesso e politica, di personaggi reali in carne ed ossa che vivono di passioni e relazioni sociali.
Diremmo che tutto questo è emerso solamente in parte dalla messa in scena ma il risultato raggiunto è comunque uno spettacolo gradevole e vivo, sia per le semplici e razionali scene (a fare da elemento unitario due nere pareti laterali, da cui fuorisce una scalinata, collegate da una passerella) sia per i bellissimi costumi ottocenteschi. Ancor di più, per una volta il punto di forza della messa in scena si rivela il sapiente uso delle luci, a centrare l’attenzione  sui protagonisti e a valorizzarne, tra tanto buio, i preziosi costumi dando vita a immagini di valore pittorico.

Leonora e Ines (Rachel Willis-Sørensen, Ashley Milanese) nella scena II della prima parte.

Sulla stessa lunghezza d’onda, la direzione di Pinchas Steinberg ottiene il meglio dall’Orchestra del Regio. Senza far mai mancare il sostegno ai cantanti, con pochi tagli limitati alle riprese delle cabalette, il direttore, attacchi precisi e attenzione alla scena, fa suonare l’orchestra in modo nitido e pulito, sonorità piena ma mai tale da sovrastare il canto.
Che poi, anche nei non pochi passi deputati, riesca ad infiammare palcoscenico e spettatori è altra cosa. Le scene si susseguono, tutto suona al suo posto, le emozioni latitano.
Nel cast vocale, da segnalare le due presenze femminili. Rachel Willis-Sørensen, giovane cantane americana, è una Leonora dal bel colore vocale, limpido nei gravi e nei suoni centrali, che perde appena consistenza e posizione salendo verso i suoni acuti che si fanno via via più esili. Molto buona la sua recitazione e ottima la dizione, sempre curata come il fraseggio.

Azucena e Manrico (Anna Maria Chiuri, Diego Torre) nella scena prima della seconda parte.

Meglio ancora l’Azucena di Anna Maria Chiuri che domina la scena dalla prima all’ultima nota, grazie ad una voce ricca e risonante in tutta l’estensione ed una interpretazione che si inserisce nel solco della grande tradizione italiana. Precisa nel racconto iniziale, viene da lei l’unico brivido della serata, quella scena del carcere durante la quale, come una belva ferita in gabbia, cerca in ogni modo di liberarsi della sua prigione arrampicandosi sulle grate in un momento di follia.

Manrico, Leonora, Il conte di Luna (Diego Torre, Rachel Willis-Sørensen, Massimo Cavalletti) nel finale II.

Meno felice la distribuzione dei ruoli maschili, a cominciare dal Manrico solo discreto del messicano Diego Torre, dalla vocalità esile tutt’altro che spavalda, che trova il momento migliore nell’Ah sì, ben mio ma passa via tanto sull’aspetto ardente quanto su quello eroico del suo personaggio, finendo per inciampare sulla successiva pira.
Ancor più deludente, il conte di Luna di Massimo Cavalletti, un baritono pur dotato di bel timbro e adeguata presenza scenica.
Per quanto si sforzi, infatti, di ricercare accenti e fraseggio, a causa del carente sostegno del fiato e dell’emissione tecnicamente incerta, forzata nel registro superiore, non evita una generale sensazione di monotonia e manca di quella morbidità di canto derivante dal belcanto del primo ottocento.

Il conte di Luna e Leonora (Massimo Cavalletti, Rachel Willis-Sørensen) nella quarta parte.

Discrete le prove del basso In-Sung Sim che interpreta il ruolo dell’anziano capitano Ferrando e di Ashley Milanese nel ruolo della confidente Ines, bravi Patrizio Saudelli, Deseret Lika e Luigi Della Monica nei pur brevi interventi loro riservati.
Come sempre, sopra ogni lode la prova del Coro che si conferma ottimamente guidato da Andrea Secchi.

Terzetto finale (Anna Maria Chiuri, Rachel Willis-Sørensen, Diego Torre).

Occore ricordare che la sera della prima rappresentazione, serata di inaugurazione della stagione, lo spettacolo è stato preceduto dalla lettura di un comunicato. Schierati in palcoscenico e accolti da un caloroso applauso, i lavoratori del Teatro Regio hanno spiegato le ragioni che li hanno spinti a rinunciare alla minaccia di sciopero richiamando al tempo stesso l’attenzione e l’impegno a risolvere la difficile situazione economica che sta affrontando il Teatro.

Al termine dello spettacolo, applausi convinti per Chiuri, Willis-Sørensen, Steinberg e il team responsabile della messa in scena.

Paolo Malaspina
Paolo Malaspina, nato ad Asti nel 1974, inizia a frequentare il mondo dell’opera nel 1989. Studia privatamente canto lirico e storia della musica parallelamente agli studi in ingegneria chimica, materia nella quale si laurea a pieni voti nel 1999 presso il Politecnico di Torino con una tesi realizzata in collaborazione con Ecole Nationale Supérieure de Chimie de Toulouse. Ambito di interesse musicale : musica lirica e sinfonica dell’ottocento e novecento, con particolare attenzione alla storia della tecnica vocale e dell'interpretazione dell'opera lirica italiana e tedesca dell'800.

Autres articles

LAISSER UN COMMENTAIRE

S'il vous plaît entrez votre commentaire !
S'il vous plaît entrez votre nom ici