Concerts d'automne

Week end 1 :

11 ottobre, ore 20
Grand Théâtre
Gala Mozart and friends
le concert de la loge
julien chauvin, violino & direzione
karina gauvin, soprano
justin taylor, fortepiano

12 ottobre, ore 11
CDNT, Théâtre Olympia
Concert dans le noir
julien chauvin, violon
justin taylor, fortepiano

12 ottobre, ore 20
Grand Théâtre
G.F. Händel
Il trionfo del tempo e del disinganno
les accents
thibault noally, direction

anna bonitatibus, piacere
ana maria labin, bellezza
carlo vistoli, disinganno
victor sicard, tempo

13 ottobre, ore 15
Grand Théâtre
Los Pájaros perdidos
Musique traditionnelle et baroque d'Espagne et d'Amérique latine
l’arpeggiata
christina pluhar, direction

céline scheen, soprano
vincenzo capezzuto, contralto
luciana mancini, mezzo-soprano

 _____________________________________________________________

Week end 2 :

18 ottobre, ore 20
Église Notre Dame la riche
Heinrich Schütz
L'Orphée de Dresde
Geistliche Chormusik – Kleine geistliche Konzerte
ensemble jacques moderne
joël suhubiette, direzione

19 ottobre, ore 20
Église Saint Julien
Grande messe de requiem pour Charles Quint
La bomba flamenca
la tempête
simon-pierre bestion, direzione

20 ottobre, ore 15
Église Saint Julien
L'âge d'or musical à Saint Marc de Venise
les traversées baroques
étienne meyer, direction

____________________________________________________________________

Week end 3 :

25 ottobre, ore 20
Grand Théâtre
Gioachino Rossini
Petite Messe Solennelle
les éléments
joël suhubiette, direction

julia wischniewski, soprano
lise nougier, alto
riccardo romeo, ténor
geoffroy buffière, basse
natalie steinberg & mary olivon, piano-forte
Emmanuel Mandrin, harmonium

26 ottobre, ore 20
Grand Théâtre
Henry Purcell
Dido and Aeneas
consonance
françois bazola, direction

armelle marq, didon
david witczak, énée

 

 

 

Tours, dall'11 al 26 ottobre 2019

Quest’anno gli appuntamenti in teatro e nelle chiese della città vedranno artisti impegnati in esecuzioni nuove e sorprendenti di capolavori dal Rinascimento al Settecento e oltre. Si svolgeranno in tre week-end, lasciando spazio anche a visite fra i tesori d’arte della regione.

Église Saint-Julien, Tours (concerti del WE2, dei 19 e 20 ottobre)

Sono bastate le primissime edizioni- questa è la quarta- a fare dei “Concerts d’automne”a Tours una manifestazione di raro interesse artistico e di particolare successo. A distinguerla da tanti festival musicali, spesso troppo simili sia nei programmi sia nelle presenze in scena, è la scelta di un filo conduttore preciso, insolito e attraente che quest’anno ruota intorno a nuove esecuzioni di celebri capolavori, soprattutto rinascimentali e barocchi. “E un mondo, quello della musica cosiddetta antica”, spiega il direttore artistico Alessandro Di Profio, “che sta vivendo una nuova rivoluzione. Sebbene il sapere dei musicisti possa appoggiarsi a conoscenze musicologiche solide, sulle interpretazioni oggi spira un vento di libertà. Mai come ora la pratica ‘filologica’ ha rivelato i limiti delle etichette entro le quali si è tentato a lungo di costringerla. E negli interpreti si sta affermando una varietà e una diversità di approccio storicamente corretta, ma inconcepibile fino a poco tempo fa, che abbiamo messo al centro di questa edizione”.
I concerti sono raggruppati in tre week-end di ottobre.

Le Concert de la Loge

Quello inaugurale, al Grand Théâtre, si apre venerdì 11 con un Gala Mozart & friends, sfoggiando un programma che segue dal Danubio alla Loira e da un genere all’altro le divagazioni di Amadeus e del suo grande contemporaneo Franz Joseph Haydn. Affidate al Concert de la Loge diretto dal violinista Julien Chauvin, da tempo impegnato nella riscoperta di Haydn, che rivelerà una sua sinfonia parigina, la n.84.

Karina Gauvin

Mentre il soprano Karina Gauvin e il pianista Justin Taylor si esibiranno in un’alternanza di Arie e di pezzi strumentali. Haendel, con il magnifico  Oratorio Il trionfo del Tempo e del Disinganno, sarà al centro della serata successiva. Portato in scena dal gruppo Les Accents diretto da Thibault Noally e da quattro virtuosi del belcanto come Anna Bonitatibus, Anna Maria Labin, Carlo Vistoli e Victor Sicard. Protagonista del concerto di domenica sarà il raffinato ensemble l’Arpeggiata sotto la direzione di Christina Pluhar che con le voci di Céline Scheen, Vincenzo Capezzuto e Luciana Mancini condurrà il pubblico dalla Spagna all’Argentina, al Messico, al Cile e al Venezuela attraverso i ritmi e i colori delle musiche latino-americane dal XVII secolo ai nostri giorni. Ne fanno parte composizioni famose di Piazzolla e di Ramirez.

 

 

Il secondo week-end prenderà il via venerdi 18 nella Chiesa di Notre-Dame-la-Riche. L’Ensemble Jacques Moderne con Joel Suhubiette sul podio metterà in luce L’Orfeo di Dresda ovvero Heinrich Schutz, che fu uno dei più illustri predecessori di Bach, proponendo alcune delle sue più toccanti pagine sacre.

Ensemble Jacques Moderne

Il concerto seguente punterà invece su un titolo immaginario, il Requiem pour Charles Quint, evocazione dell’ufficio funebre per l’imperatore quale avrebbe potuto aver luogo nel 1558, attraverso le musiche del suo tempo nate tra la Spagna e le Fiandre.

La Tempête, direzione Simon-Pierre Bestion

Evocazione realizzata dall’orchestra La Tempête con la direzione di Simon-Pierre Bestion. Domenica 20, nella Chiesa di Saint Julien, Les Traversées Baroques di Etienne Meyer approderanno nella Venezia del XVII secolo per L’age d’or musical à Saint Marc, un programma che farà rivivere le musiche celestiali di Giovanni Gabrieli e Giovanni Bassano,  create per la Cappella musicale della Basilica veneziana.

L’ultimo weekend partirà, il 25 al Grand Thèâtre, con un capolavoro di Rossini : la Petite Messe solennelle, in una rara esecuzione di Les Elements diretti da Joel Suhubiette che ricalcherà l’organico e gli strumenti d’epoca del debutto nel 1864.

Ensemble Consonance

E un altro capolavoro sarà di scena il 26, sempre al Gran Thèâtre : Dido and Aeneas di Purcell, interpretato da Armelle Marq e David Witczak nei ruoli del titolo accompagnati dal celebre Ensemble Consonance sotto l’esperta guida di François Bazola.

Julien Chauvin

Da segnalare, fuori cartellone, il Concert dans le noir organizzato al Théâtre Olympia dal Centre Dramatique National di Tours : in una sala al buio il pubblico è invitato a un’esperienza sensoriale di ascolto inconsueta, senza distrazioni visive : offerta da Julien Chauvin al violino e Justin Taylor al fortepiano con alcune Sonate di Mozart.

Justin Taylor

Affiancano il ciclo principale dei concerti quelli dei giovani talenti del Conservatoire Régional Francis  Poulenc (il 12,19,26 ottobre). E fra le iniziative collaterali, “Musica e film” in partenariato con la Cinémathèque di Tours.
Ma ad attrarre un vasto pubblico non solo locale è anche la possibilità, tra un appuntamento musicale e l’altro, di visitare la circostante Valle della Loira e i suoi celebri castelli. L’ufficio del Turismo di Tours offre ad ogni week-end diverse possibilità di visite guidate e anche pacchetti che includono i biglietti per i concerti e l’albergo.

Luciana Fusi
LUCIANA FUSI è nata e residente a Milano. Laureata in Lingue e Letterature Straniere, è giornalista professionista. Ha lavorato in diversi periodici Mondadori e Rizzoli, prevalentemente nel settore Cultura e Spettacolo con funzioni di caporedattore. Contemporaneamente, ha collaborato con riviste musicali tra cui Discoteca, Musica, Amadeus, Opéra International e, tuttora, Suonare News. E' stata capo ufficio-stampa del Teatro Comunale di Bologna, del Teatro alla Scala e dell'orchestra Mozart di Claudio Abbado.
Crediti foto : © Franck Juery (Le Concert de la Loge)
© Julien Faugère (Karina Gauvin)
© Annabelle Tiaffay (Ensemble Jacques Moderne)
© Hubert Caldagues (La Tempête)
© Rémi Angéli (Ensemble Consonance)
© Bertrand Pichène (Julien Chauvin)
© DR (Justin Taylor)


Autres articles

LAISSER UN COMMENTAIRE

S'il vous plaît entrez votre commentaire !
S'il vous plaît entrez votre nom ici