Dimanche 26 octobre 2019

Ore 17.30
Robert Schumann (1810–1856)
Concerto per violoncello op.129
Jan Vogler, violoncello

Johannes Brahms (1833–1897)
Sinfonia n°2 in do maggiore op.73

ore 20.30
Johannes Brahms (1833–1897)
Variazioni per orchestra su un tema di Haydn op.56a
Sinfonia n°4 en mi minore op.98``

LaFil-Filarmonica di Milano
Daniele Gatti, direttore

Milano, Sala Verdi del Conservatorio-Milano, 27 ottobre 2019

Seconda serie di concerti della Fil-Filarmonica di Milano, l'orchestra composta da giovani e prime parti di prestigiose orchestre, diretta da Daniele Gatti e dedicata questo week-end essenzialmente a Brahms in un formato impegnativo : 2 concerti senza pausa il sabato alle 17.30 e alle 20.30, 2 concerti la domenica alle stesse ore durante una "maratona musicale" che si è conclusa con uno di quei trionfi che Milano non vedeva da tempo per un concerto sinfonico con standing ovation e urla di gioia del pubblico.

 

LaFil-Filarmonica di Milano, diretta da Daniele Gatti

L'iniziativa di LaFil nasce da tre amici musicisti, Daniele Gatti, Carlo Maria Parazzoli (primo violino di Santa Cecilia), e la viola Roberto Tarenzi, sostenuti da Luca Formenton, l'editore de "Il Saggiatore", appassionato di musica classica, che ne è il primo sponsor. Mentre i primi concerti si sono svolti nel Palazzo delle Scintille, un luogo affascinante dall'acustica irregolare, il secondo ha avuto luogo nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano, il miglior auditorium della città, un po' fuori moda, ma con un'acustica sicura, grazie alla complicità della Società del Quartetto. Milano, a differenza di Roma, non ha investito in un grande auditorium moderno : le compagnie musicali si dividono tra la Scala per la Filarmonica della Scala e i prestigiosi concerti, l'auditorium Mahler per l'Orchestra Verdi, il Teatro dal Verme ristrutturato come auditorium per I Pomeriggi Musicali e la Sala Verdi per il resto. Daniele Gatti, milanese formatosi al Conservatorio Verdi, è ben consapevole di questa situazione, essendo stato all'inizio della sua carriera direttore musicale dell'Orchestra dei Pomeriggi musicali. Milano ha una vita musicale ricca, ma frammentata, a volte clanica, come spesso accade in Italia. Da qui la difficoltà di costituire una nuova formazione, il cui progetto mira ad integrare giovani musicisti di talento in progetti originali sotto l'impulso di uno dei più prestigiosi direttori d'orchestra italiani e di fama internazionale, recentemente raggiunto dall'assurda avventura del Concertgebouw, naufragio per l'orchestra stessa, ormai senza direttore musicale, per il suo manager assai poco strategico e costretto alle dimissioni, e per Daniele Gatti, capro espiatorio che ha visto la sua carriera frenata e molti progetti interrotti. Che triste spreco !

Fortunatamente, Gatti è un combattente, un uomo pieno di progetti che ha riorientato la sua attività rifocalizzandola sull'Italia, e diventando direttore musicale dell'Opera di Roma, e appena tornato da due serie di concerti trionfali in Germania, con la Staatskapelle di Dresda e l'Orchestra della Radio Bavarese, che si prepara a dirigere Les Vêpres Siciliennes a Roma in dicembre, seguita dai concerti di fine anno al Gewandhaus di Lipsia, con un attesissima Nona di Beethoven.

La carriera riprende, e Gatti, come se spinto dalla difficoltà, non ha mai cessato di offrire concerti fenomenali, come questa serie di Brahms, che si è conclusa con un trionfo indescrivibile. Daniele Gatti rimane senza dubbio uno dei protagonisti della musica italiana e non solo, uno dei più talentuosi direttori d'opera e un direttore sinfonico apprezzato dalle orchestre, basta vedere come i Berliner Philharmoniker lo hanno accolto e come Staatskapelle Dresden, Gewandhaus Leipzig e BRSO di Monaco di Baviera (ovvero le più grandi orchestre tedesche) lo apprezzano e lo chiamano. Gatti è uno degli specialisti della musica romantica e post-romantica e un appassionato lettore di partiture, sempre alla ricerca di nuovi approcci, nuove strade e soprattutto per costruire un progetto. In breve, uno di questi interpreti che è soprattutto inventore, e quindi audace, e quindi disturbante. Osa e rischia anche sullo stesso programma tra un concerto e l'altro.
Ma quello che è meno noto è che Gatti è anche pedagogo, che lavora regolarmente all'Accademia Chigiana di Siena e che ha tenuto qua e là masterclass di direzione, modelli di attenzione ai giovani direttori e di pedagogia.
A contatto con un'orchestra composta da prime parti esperte, e giovani musicisti, bisogna durante le prove essere particolarmente attenti ad ogni dettaglio, per accompagnare l'orchestra, per guidare i giovani. Allo stesso tempo questo tipo di orchestra ha il vantaggio di essere più  più aperta e disponibile, e non fossilizzata da anni di pratica orchestrale che danno abitudini a volte difficili da rompere.
Questo tipo di orchestra non è quindi fatta per programmi annuali, per stagioni, ma per programmi singolari che sono eventi in sé, come questa "Maratona di Brahms" dove Brahms è stato certo suonato, ma anche Schumann e Beethoven.  Quindi il weekend, con quattro concerti distribuiti tra sabato e domenica, ha offerto la domenica :

- un concerto alle 17.30 (Schumann, Concerto per violoncello, solista Jan Vogler/ Brahms Sinfonia n.2).
– l'altro alle 20:30 pm (Brahms, Variazioni su un tema Haydn/Sinfonia Brahms n.4).

Ogni concerto senza pausa, sia per stringere i tempi, sia per mantenere l'atmosfera di continua urgenza musicale che si adatta a questa "Maratona Brahms ". C'erano molti giovani tra il pubblico, che non è mai una cosa negativa, c'era anche presente il tradizionale pubblico dei concerti di musica classica, anche se l'auditorium non era pieno. Milano deve abituarsi a questi nuovi tipi di offerta.
L'impresa è attraente. A Milano non mancano attività concertistiche, che offrono programmi interessanti che recensiamo spesso, ma manca forse questo tipo di  "step aside", cioè iniziative tematiche specifiche (c'era Schumann a giugno e Brahms a ottobre), con una filosofia e un pubblico diversi.
Inoltre, Daniele Gatti, milanese, vuole essere presente sulla scena musicale della sua città, con iniziative diverse dai concerti alla Filarmonica della Scala o dalle opere liriche, ed è pienamente legittimo, e anche atteso da molti milanesi.
Ovviamente, un' iniziativa del genere può irritare nel quadro dell'organizzazione tradizionale della vita musicale milanese. Ma è sano se questi concerti sono artisticamente incontestabili, come è successo in questi due giorni, e se attirano un pubblico nuovo.
Perché i concerti (a cui hanno partecipato solisti prestigiosi come Enrico Pace e Frank Peter Zimmermann o Jan Vogler) hanno fatto respirare aria nuova e vivace alla vita musicale della città. Da questo punto di vista, la scommessa è stata vinta : sono stati momenti eccezionali.
Avendo potuto assistere solo agli ultimi due concerti, quelli del 27 ottobre, non posso che confermare il feedback degli amici che avevano assistito ai concerti del giorno precedente, con i concerti di Brahms 1 e 3 e il concerto per violino in Re maggiore di Beethoven tra l'altro : il 27 ottobre è stato come la vigilia un momento musicale eccezionale ed emozionante.

Lo vediamo spesso, dopo una crisi, i grandi artisti attingono nuove energie per avvicinarsi alle opere con un occhio nuovo, per intraprendere nuove strade ; è il caso di Gatti.
É cominciato con il concerto per violoncello op.129 di Schumann, composto nel 1850, con Jan Vogler al violoncello. È un momento della vita di Schumann in cui le acque sembrano calmarsi perché è stato appena nominato direttore musicale a Düsseldorf. Tuttavia, la prima esecuzione pubblica ebbe luogo solo nel 1860, quattro anni dopo la morte del compositore (concerto pubblicato da Breitkopf e Härtel nel 1854).
L'atmosfera è davvero serena, e il dialogo tra lo strumento e l'orchestra è messo perfettamente a posto, anche se prevale l'impressione che la serenità viene dallo strumento e che, dal lato orchestrale, c'è un po' più tensione, più energia, più lirismo. Questo leggero contrasto, che non intacca la fluidità dell'insieme e la perfezione delle sequenze, conferisce ancora più profondità al lavoro, soprattutto quando l'orchestra riprende i temi iniziati nel violoncello, con un tocco di drammaticità a cui il violoncello risponde con una rara tenerezza e naturalezza : Vogler non spinge mai, è sempre natural, sempre nell'espressione intima. Il secondo movimento, concatenato col primo, è particolarmente sensibile e vissuto con un notevole spessore. L'eco e il dialogo tra il violoncello e gli strumenti dell'orchestra (soprattutto i fiati ma anche gli morbidissimi e meditativi archi) ne fanno un momento supremo di ritorno su se stessi, con il tenero sguardo del compositore sulla moglie Clara Schumann.
Da quello di Haydn è stato il primo concerto per violoncello del secolo, e ispirerà altri compositori ; il pezzo colpisce per l'alternanza di serenità e leggera tensione (ultimo movimento), con l'intreccio di solista e orchestra. L'ultimo movimento è più leggero con il suo ritmo a rondo, mai sincopato, di rara fluidità, con bellissimi dialoghi, ad esempio tra violoncello e flauto. L'orchestra rimane particolarmente sfumata e colorata. Il risultato è un'atmosfera piuttosto fusionale e straordinariamente naturale, che si conclude con un bis  di Vogler (Bach) richiesto con insistenza dal pubblico.
Prima parte del secondo concerto serale, le Variazioni su un tema di Haydn, scritte prima per due pianoforti, poi orchestrate (1873), segnano il gusto di Brahms per il classicismo, il suo sguardo perpetuo sui percorsi musicali che lo precedono e il suo amore per le variazioni tematiche (fin da giovane ha scritto variazioni pianistiche su un tema di Schumann, Haendel e Paganini) ma è la prima volta che un compositore scrive variazioni per orchestra.
Il tema di origine è il corale Sant'Antonio della Feldpartie in si bemolle maggiore, Hob. II/46 (anche se alcuni ipotizzano che l'autore possa essere il suo allievo Pleyel e ci sono lunghe discussioni sulla vera paternità di questo tema). Ma non importa, perché è l'arte della variazione che ci interessa qui, in questo breve pezzo che finisce a Passacaglia (come la quarta sinfonia). Otto variazioni che esaltano chi uno strumento, chi un ritmo e che segna una particolare ricerca di suoni, bella lezione per un'orchestra composta da giovani strumentisti. L'approccio è molto ben costruito, e Gatti (che dirige tutto a memoria) cerca di modulare le note, di dare sempre un colore diverso, con un'orchestra che lo segue passo dopo passo.  impressiona in particolare la  passacaglia finale. Siamo avvolti in un universo sonoro affascinante.

Ma si aspettava l'esecuzione delle sinfonie ed essa ha entusiasmato il pubblico. Ci sono elementi che colpiscono immediatamente :

    • Innanzitutto, una lettura di rara precisione, dove il direttore guida l'orchestra con evidente complicità ; a volte si coglie l'impressione che ogni nota sia stata lavorata, vissuta, tanto che alcune di esse sono modulate, con un modo di respirare, con tenerezza, altre con un po' di durezza, ma mai rese con aridità. Soprattutto, l'insieme è incredibilmente vario e colorato, in termini di volume e di fraseggio. Nessun suono è dato in modo diretto, ma tutto sembra straordinariamente pensato, profondo, in breve tutto ha senso. Sentiamo un lavoro preparatorio particolarmente preciso e riflettuto.
    • C'è una risposta perfetta dell'orchestra alle richieste del direttore d'orchestra, come un respiro comune, come un "Zusammenmusizieren" 1. Citiamo solo la prima battuta della sinfonia n. 4, tenera, con un ritmo leggermente allungato, come esitante, che poi si sviluppa senza brutalità con un lirismo quasi travolgente, o il modo in cui l'inizio della sinfonia n. 2 gioca sulla sordina e sulla delicatezza dei suoni, come se fossero appena abbozzati, come se venissero per la prima volta al mondo.
    • Il suono dell'orchestra è davvero eccezionale, che mostra una straordinaria coesione e impegno, senza scorie, senza scosse, ma con morbidezza e naturalezza stupefacenti, come raramente si è sentito, almeno di recente.
      Fin dall'inizio, LaFil si è posizionata in cima, e anche in qualche modo "altrove", perché un suono di questo tipo non si sente ad ogni concerto.
    • Gatti dirige queste sinfonie con rara sensibilità, suscitando emozioni, curando echi e relazioni da uno strumento all'altro, rivelando le architetture della partitura con un'incredibile nitidezza.

In questo dimostra cosa sia una lezione di interpretazione, e noi rimaniamo affascinati dal modo in cui Gatti accompagna i musicisti e fa esprimere il suono, curando – come in questo primo movimento della sinfonia n. 4 – i volumi, lavorando il rubato (momenti meravigliosi) quando necessario, ad altri approfondendo il mistero, evocando la tensione, ad altri sottolineando i suoni che Brahms inventa e che altri compositori riprenderanno (Mahler) lavorando anche sull'arte della variazione interna : non è un caso che le Variazioni su un tema Haydn che precede la Sinfonia n. 4 sia un modo di insegnare la scrittura brahmsiana.
Ma ciò che mi colpisce, e che va contro ciò che si scrive qualche volta di Gatti (le rotture di tempo, la brutalità, la mancanza di raffinatezza), è al contrario l'estrema raffinatezza della resa, la chiarezza di un'orchestra all'apice, lontana da ogni routine. E la padronanza di un suono che non tuona mai, di sorprendente e affascinante bellezza.
Bisogna sottolineare la favolosa esecuzione dei solisti dell'orchestra, in particolare gli ottoni (secondo movimento della quarta sinfonia) o lo straordinario adagio non troppo della seconda, con favolosi strumentisti come il corno di Natalino Ricciardo (dal Regio di Torino), così come il respiro drammatico che Gatti sa dare all'insieme :  da tutto questo emerge l'emozione indicibile che ti prende, nata da una frase, una modulazione, un silenzio.
La Quarta sinfoni è dunque emblematica, conclusione del viaggio di un compositore e allo stesso tempo viaggio di un gruppo di meusicisti che si cementa attorno al suo direttore e alle sue prime parti, in particolare Carlo Maria Parazzoli il primo violino (Santa Cecilia), e la viola Roberto Tarenzi, amici di lunga data di Gatti e co-fondatori dell'orchestra. Bisogna sentire il quarto movimento, vigoroso e pieno di sfumature, che sconvolge (Ah, il flauto.….). Non sorprende in questo alternarsi di tensione, controllo costante ed entusiasmo visibile di tutti i musicisti che la sala esploda come raramente l'ho vista a Milano.
Un Brahms di questa qualità, con questo livello di costruzione, profondità di pensiero ed emozione, non lo sentivamo dal grande Claudio. Immensa serata.

La Sala Verdi del Conservatorio accoglie LaFil

 

 

Notes   [ + ]

1. Fare musica insieme, espressione cara a Claudio Abbado

Autres articles

LAISSER UN COMMENTAIRE

S'il vous plaît entrez votre commentaire !
S'il vous plaît entrez votre nom ici